Russia 2018, come si illumina un Campionato Mondiale

Russia 2018, come si illumina un Campionato Mondiale

Disano svela i segreti dell’illuminazione di un grande evento sportivo

Si sono appena conclusi i Campionati Mondiali di Calcio in Russia, un evento planetario seguito da milioni di spettatori in tutto il mondo. Uno spettacolo reso possibile dalla perfetta illuminazione degli stadi, base indispensabile per le riprese tv in alta definizione.

All’illuminazione degli stadi di Russia 2018 ha contribuito anche l’Italia, con la Disano Illuminazione. I proiettori Forum della Disano, già impiegati in progetti illuminotecnici di altri grandi eventi internazionali, sono stati selezionati per gli stadi di Samara e di Saransk, che hanno ospitato partite di tutte le fasi di Russia 2018.

Russia_duestadi

Partendo dalla grande esperienza Disano in questo tipo di progetti, possiamo scoprire, almeno nelle linee generali, i segreti dell’illuminazione di una competizione sportiva internazionale al massimo livello.

La luce ha due compiti fondamentali, il primo è quello di creare le condizioni migliori per i giocatori e gli arbitri sul terreno di gioco, il secondo è quello di fare in modo che la partita possa essere seguita al meglio dagli spettatori presenti allo stadio e da quelli che la guardano in televisione.

Nel caso di un evento planetario come i Campionati Mondiali di calcio, con milioni di spettatori e colossali investimenti pubblicitari, nulla può essere lasciato al caso.

La Federazione calcistica internazionale (FIFA) ha stilato una serie di norme particolareggiate che definiscono i requisiti tecnici degli impianti per gli stadi utilizzati per le competizioni internazionali. Un intero capitolo è dedicato all’illuminazione.

Nell’introduzione si precisano subito i criteri generali che devono guidare la realizzazione dell’impianto illuminotecnico: “Il sistema di illuminazione deve soddisfare le esigenze di emittenti televisive, spettatori, giocatori e arbitri senza disperdere la luce nell’ambiente e senza creare disagi per la comunità locale.”

Entrando più nel dettaglio, questo significa che giocatori, arbitri e pubblico presente allo stadio devono essere messi nelle migliori condizioni di visibilità in ogni zona del campo, senza abbagliamenti e le telecamere ad alta definizione devono poter riprendere l’evento senza zone d’ombra o di illuminazione insufficiente. Il tutto deve essere realizzato evitando dispersioni di luce sia all’interno che all’esterno dello stadio.

 

Cinque categorie di impianti

Per quanto riguarda i parametri tecnici la FIFA ha classificato gli impianti di illuminazione in cinque categorie:

Classe I         campi d’allenamento e per attività non agonistiche

Classe II        competizioni a livello di club senza riprese televisive

Classe III       competizioni nazionali senza riprese televisive

Classe IV       competizioni nazionali con riprese televisive

Classe V        competizioni internazionali con riprese televisive

 

Per ogni categoria vengono definiti i requisiti minimi perché l’impianto di illuminazione sia approvato dalla FIFA. I parametri presi in considerazione sono innanzitutto i livelli di illuminamento orizzontale e verticale.

Oltre alla quantità di luce (lux) viene misurato anche il livello di uniformità, proprio per evitare che il passaggio da zone molto illuminate a zone poco illuminate possa danneggiare la visione e le riprese televisive.

 

L’importanza di un’illuminazione uniforme

Il calcio moderno si gioca ad alta velocità e l’uniformità della luce è essenziale sia per chi gioca sia per la qualità delle riprese televisive.

Per uniformità orizzontale si intende la quantità di luce diffusa in un’area posta un metro sopra il terreno di gioco, per calcolarla si divide l’area in quadrati di 10×10 metri e si calcolano i valori massimi/minimi/medi di illuminazione per ottenere il coefficiente di uniformità.

L’uniformità si calcola in due modi con il coefficiente di variazione (CV) o il gradiente di uniformità (UG).

Questi sono i requisiti richiesti dalla FIFA per eventi con o senza ripresa televisiva:

Russia_tabella1

 

L’illuminazione verticale viene calcolata sia sull’altezza dei giocatori sia rispetto al campo di gioco. L’obiettivo e non avere variazioni di luce (zone più o meno illuminate) sia per le telecamere mobili che riprendono i volti dei giocatori e altri particolari di gioco, sia nelle telecamere fisse che riprendono una zona di campo.

Inoltre la FIFA fissa i requisiti minimi per altri due parametri importanti per la qualità delle riprese digitali: la temperatura di colore e la resa dei colori.

Nella tabella qui sotto sono indicati i requisiti minimi richiesti dalla FIFA per un’illuminazione di classe IV e V (competizioni nazionali e internazionali con riprese televisive):

tabellaFifa2

La posizione delle telecamere

I valori di illuminamento sono considerati in relazione al posizionamento delle telecamere, fisse e mobili, e la FIFA ha preso in considerazione i punti in cui devono essere posizionate le camere per una ripresa completa dell’evento. Un esempio è in questo schema:

untitled

Inoltre per evitare abbagliamenti che possano disturbare lo svolgimento del gioco, la FIFA ha definito anche alcune aree senza proiettori, in particolare:

La zona del calcio d’angolo. Per mantenere buone condizioni visive per il portiere e per i giocatori che attaccano, gli apparecchi di illuminazione non devono essere collocati in un’area di 15 gradi su entrambi i lati della linea di porta.

Dietro la linea di porta. Al fine di mantenere buone condizioni visive per i giocatori che attaccano e per il portiere, il dispositivo di illuminazione non deve essere posizionato entro 20 gradi dietro la linea di porta e 45 gradi sopra l’orizzonte dalla linea di porta.

untitled

La Cosmos Arena

Per fare un esempio concreto, riferito a Russia 2018, possiamo prendere in considerazione l’illuminazione della Cosmos Arena, lo stadio di Samara dove si sono svolte alcune partite delle fasi a gironi, l’ottavo di finale tra Brasile e Messico e il quarto di finale tra Inghilterra e Svezia.

Per l’illuminazione di questo stadio sono stati utilizzati proiettori 324 proiettori Forum (Disano) ottenendo valori di illuminamento verticale >2000lux su tutte le telecamere (uniformità U1=min/med 0.70 – U2=min/max 0.60) e valori di illuminamento orizzontali >3500lux (uniformità U1=min/med 0.80 – U2=min/max 0.70).

cosmos_arena6

 

L’impatto ambientale

La FIFA considera con molta attenzione anche l’impatto dell’illuminazione dello stadio sull’ambiente circostante. In particolare vengono misurati due parametri: la luce dispersa in una zona di 50 metri intorno allo stadio e il riflesso (abbagliamento) provocato dalla struttura illuminata nell’intera area della città in cui è collocata.

untitled

 

Per questo la FIFA raccomanda l’uso di apparecchi ad alta efficienza e con forme e accessori che limitino la dispersione di luce.

 

Il proiettore ideale

Quali caratteristiche deve avere un proiettore in questo tipo di progetto? Come abbiamo visto per rispondere ai requisiti indicati nelle norme FIFA occorrono apparecchi con caratteristiche d’eccellenza, in termini di efficienza energetica, resa luminosa e qualità della luce.

I proiettori Forum (Disano) aggiungono a queste caratteristiche altre particolarità progettuali e costruttive, che permettono di indirizzare la luce con la massima precisione e modulare al meglio i valori di illuminamento, senza dispersioni.

L’alta qualità progettuale e realizzativa di Forum e l’esperienza accumulata da Disano nell’illuminazione di impianti sportivi di alto livello in tutto il mondo confluiscono in un prodotto di nuova generazione: Forum LED. Il proiettore che porta la tecnologia LED fino all’illuminazione dei grandi impianti sportivi.

Forum_trio

Forum LED, la nuova generazione

La gamma dei proiettori Forum LED è stata progettata per ottenere le massime prestazioni illuminotecniche in ogni tipo di impianto.

Forum LED è stato disegnato con una forma modulare, per ottenere il massimo rendimento dei LED e la più alta flessibilità. Il progettista può scegliere tra diverse versione (a uno, due o tre moduli) con diverse potenze e diversi fasci luminosi.

Tutto questo per avere il risultato illuminotecnico desiderato, senza sprechi di energia o dispersioni di luce.

Le ottiche di precisione e i dispositivi speciali per il puntamento sono uno strumento prezioso per realizzare un perfetto progetto illuminotecnico, senza abbagliamenti e con il massimo comfort visivo per il pubblico e i giocatori.

L’alta qualità della luce, con temperature di colore di 4000 K (o anche 5700 K) e un’altissima resa del colore (fino a CRI 90) sono fondamentali per le riprese televisive in alta definizione. Un altro requisito importante a questo scopo è il bassissimo livello di flicker.

Con Forum si possono avere gli standard più alti per l’illuminazione di un evento sportivo, come i requisiti richiesti da UEFA e FIFA per le competizioni internazionali, con un risparmio energetico fino al 40% rispetto alla tecnologia precedente.

Un risultato eccezionale, da campioni mondiali dell’illuminazione.

  • Posted by Redazione
  • On luglio 20, 2018
  • 0 Comments
  • 0 likes
Tags: Cosmos arena, Forum, Forum LED, Mordovia Arena, news, Russia 2018, Saransk, Smamara

0 Comments

Leave Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.