Proiettori Disano per il Parco Archeologico di Pompei

Proiettori Disano per il Parco Archeologico di Pompei

  • Disano ha fornito i proiettori LED per il nuovo percorso luminoso, inaugurato nel 2017, che permette una suggestiva visita notturna alle rovine.
  • Una nuova illuminazione a risparmio energetico, che restituisce un colore più naturale ai materiali architettonici, senza pericoli di deterioramento

Il Parco Archeologico di Pompei è uno dei più importanti siti culturali del mondo. La cittadina campana, coperta dalle ceneri dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., è stata riportata alla luce dagli archeologi a partire dalla metà del XVIII secolo. Un insieme di strade, edifici, sculture, pitture e mosaici rimasti quasi intatti, che offrono ai visitatori di tutto il mondo l’esperienza unica di passeggiare in una città del primo secolo dopo Cristo.

Lo straordinario complesso di Pompei fa parte dell’elenco dei siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1997 ed è uno dei luoghi più conosciuti e visitati del nostro Paese.

Nel 2017 nel cuore del Parco Archeologico è stato realizzato un nuovo percorso luminoso, che permette una suggestiva visita serale alle rovine della città antica. Grazie all’utilizzo di proiettori a LED, prodotti in versione speciale da Disano Illuminazione, si è ottenuto uno straordinario effetto scenografico, con una tecnologia ecologica, che riduce i consumi energetici e rispetta le architetture illuminate. I LED, infatti, non emettono raggi ultravioletti pericolosi per la conservazione dei colori e dei materiali antichi.

Pompei_gall05

Il nuovo impianto illuminotecnico

Il percorso luminoso è stato realizzato da Enel Sole con la sostituzione di 432 corpi illuminanti di vecchia generazione. Per il nuovo impianto luci sono stati scelti proiettori a LED Midifloor, Punto e Koala prodotti da Disano Illuminazione in versione speciale.

Le caratteristiche specifiche dei proiettori sono state utilizzate per armonizzare nel modo migliore la luce d’ambiente con la luce d’accento, che mette in evidenza i diversi manufatti.

Midifloor, faretto da incasso da esterno, segna il percorso luminoso e illumina dal basso le colonne e i resti delle antiche vie di Pompei, i proiettori Koala e Punto, di dimensioni ridotte e quindi poco invasivi, perfettamente orientabili, disegnano le scenografie luminose del sito.

Gli apparecchi sono equipaggiati con LED con una temperatura di colore di 3000K, una tonalità calda scelta per valorizzare i colori delle pietre antiche. La verniciatura korten e i cablaggi customizzati facilitano l’inserimento armonico degli apparecchi nel contesto degli scavi. Inoltre gli apparecchi sono stati forniti con particolari aperture del fascio luminoso (16°, 26°, 40°) per indirizzare la luce secondo le esigenze del progettista.

L’impianto è controllato con un sistema DMX che permette di variare la potenza erogata per ottimizzare il consumo. Il nuovo impianto consente un risparmio energetico del 60% (da 55 KW a 11 KW) rispetto alle precedenti tecnologie e regala una nuova visibilità grazie alla qualità della luce LED che restituisce un colore più naturale ai materiali architettonici, senza pericoli di deterioramento, per l’assenza di raggi ultravioletti.

La nuova illuminazione a LED nel Parco Archeologico di Pompei è un esempio importante del ruolo che può avere la luce nella valorizzazione del nostro patrimonio artistico e monumentale. La qualità della tecnologia LED e dei proiettori utilizzati è la migliore garanzia per la tutela di uno dei grandi tesori della cultura presenti in Italia

 

Foto di Giacomo Acunzo, courtesy Parco Archeologico di Pompei.

 

 

 

 

  • Posted by Redazione
  • On settembre 25, 2018
  • 0 Comments
  • 0 likes
Tags: beni culturali, news, Pompei

0 Comments

Leave Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.