I LED danno spettacolo

I LED danno spettacolo

La luce da sempre è l’ingrediente fondamentale di uno spettacolo. La tecnologia LED interviene anche in queste particolari applicazioni per creare nuove suggestioni. Uno degli esempi recenti più eclatanti è sicuramente l’Albero della Vita, l’installazione simbolo dell’Expo 2015 a Milano. Lo spettacolo di luci e suoni della grande struttura ideata da Marco Balich ha attratto milioni di spettatori. Un successo che continua, dal primo luglio infatti l’Albero della Vita ha riaperto e tutti i venerdì, sabato e domenica si possono vedere “day fountain show” con giochi d’acqua accompagnati da diversi brani musicali.

I LED sono assoluti protagonisti nell’illuminazione dell’Albero. Per le luci del corridoio di ingresso sono stati impiegati una trentina di segnapasso a led da 3 W con una temperatura di colore di 3000 K. Nel perimetro della piattaforma troviamo ancora 22 proiettori a LED ciascuno con una potenza di 6 W. Altri proiettori a Led sono posti nel locale tecnico. Infine troviamo luci d’accento lungo tutta la struttura verticale.

Spettacolo01

 

La novità di queste installazioni è il rapporto sempre più stretto tra suoni, immagini e giochi di luce. Un’ evoluzione tecnologica del rapporto luci e suono tipico dei grandi concerti musicali (chi non ricorda gli storici spettacoli dei Pink Floyd?). Oggi vengono impiegati a questo scopo scenografi che hanno il compito di amalgamare, proprio grazie alle luci, musica e immagini. E’ necessario scegliere prodotti che uniscano compattezza di dimensioni con consumi ridotti e con elevata flessibilità di prestazioni, dai colori della luce, alla possibilità di movimento e di velocità nell’effettuarlo, alla celerità di accensione e spegnimento. Tutto per seguire meglio ogni singolo attimo della rappresentazione.

Un esempio recente di matrimonio perfettamente riuscito tra LED e musica è il concerto di Stefano Bollani, lo scorso 19 maggio alla Palazzina di Caccia di Stupinigi a Torino. Si tratta di “Piano Solo”, uno spettacolo prodotto da Reverse e Teatro Superga, in cui l’illuminazione ha avuto un ruolo fondamentale. L’obiettivo è stato quello di realizzare un’illuminazione architetturale non invasiva che consentisse una perfetta immersione del pubblico nell’ambiente, amplificando senza distrarre dall’esibizione dell’artista. L’illuminazione ha riguardato la parte centrale dell’edificio e il suo salone centrale ed è stata realizzata con un sistema di proiettori a quattro LED in un’unica lente. Grazie alle possibilità di dimmerizzazione lineare e alla possibilità di ottenere un’infinita palette di colori, le luci si sono integrate perfettamente con le musiche di Bollani, il cui palco era illuminato da proiettori in grado di realizzare le funzioni Beam, Spot e Wash.Spetacolo02

 

Al di là di questi grandi exploit professionali qualche effetto divertente con i LED si può ottenere anche con lo stereo di casa. Provate ad andare su Youtube e digitare “led a tempo di musica”. Scoprirete diversi tutorial che danno indicazioni per costruire piccole scenografie luminose fai da te. Certo è roba da dilettanti, ma chissà che non sia lo stimolo per qualcuno per diventare un vero professionista…

 

  • Posted by Redazione
  • On agosto 8, 2016
  • 0 Comments
  • 0 likes
Tags: Alberodellavita, news, Spettacolo

0 Comments

Leave Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.