Human Centric Lighting 4/HCL nell’industria

Human Centric Lighting 4/HCL nell’industria

1. Perchè scegliere un’impostazione HCL per l’industria?

Sicurezza, salute, produttività: sono queste le parole chiave che sintetizzano i vantaggi di un’illuminazione tecnologicamente aggiornata in un ambiente industriale.

Vantaggi che sono alla base anche del rivoluzionario concetto di Human Centric lighting, il progetto di luce che mette al centro l’uomo e il suo benessere.

Una buona illuminazione è un requisito essenziale per la sicurezza sul lavoro e la tecnologia LED rappresenta un progresso importante in questa direzione. Le nuove sorgenti ad alta efficienza, consentono di avere tutta la luce che occorre per lavorare in sicurezza, contenendo i consumi energetici, senza sprechi e con una forte impronta ecologica.

L’alta resa cromatica delle sorgenti LED agevola molte lavorazioni, a tutto vantaggio della produttività. A questo si aggiungono gli effetti biologici dello spettro della luce, studiati nella Human Centric Lighting. Le diverse temperature di colore, correttamente impostate e opportunamente gestite nell’arco della giornata lavorativa hanno un effetto favorevole sui ritmi vitali di chi lavora, diminuendo la fatica della giornata lavorativa con riflessi psicologici positivi.

industria_led02

L’automazione, l’informatica, l’attenzione per l’ambiente e i consumi energetici hanno profondamente trasformato l’industria e gli ambienti della produzione. I vecchi impianti di illuminazione sono ormai completamente superati, non solo per le prestazioni illuminotecnica, ma anche perché la luce ha assunto nuovi compiti .

Con i nuovi apparecchi LED l’illuminazione si orienta sempre più verso l’approccio Human Centric Lighting che permette di utilizzare tutte le possibilità della tecnologia LED per avere il massimo risultato nei diversi ambienti che compongono uno stabilimento produttivo.

I compiti dell’illuminazione in ambiente industriale sono, infatti, molteplici e differenziati secondo le aree interessate.

Nella figura sono riportati i principali obiettivi di un’illuminazione Human Centric Lighting nei diversi ambienti che compongono un complesso industriale.

industria_tabellaUNO

2. Come ottengo i vantaggi di un’illuminazione HCL nell’industria?

Secondo i criteri della Human Centric Lighting si devono innanzitutto considerare i tre ambiti su cui ha influenza la luce: visuale, biologico ed emozionale

Effetti-della-luce-industria

Partendo da questa impostazione un progetto di illuminazione Human Centric Lighting è in grado di elevare gli standard di sicurezza e la qualità dell’ambiente di lavoro.

Oltre al rispetto dei parametri di legge un progetto di illuminazione così impostato è in grado di utilizzare la luce per evidenziare le zone pericolose, segnalare pericoli specifici, rendere più sicure le vie d’accesso e i percorsi interni del complesso industriale e delle zone dei magazzini.

Per il benessere di chi lavora si utilizzeranno apparecchi senza abbagliamenti e con il più basso livello di flickering, con la possibilità di utilizzare sistemi di gestione per ottenere il migliore bilanciamento con la luce naturale ed evitare eccessivi contrasti nell’illuminazione delle diverse aree interne

In molti casi lo stabilimento industriale prevede lavorazioni a turni e funziona nell’arco di 24 ore. Agendo soprattutto sulla componente blu della luce si può favorire la concentrazione all’inizio del turno e agevolare il riposo dopo il lavoro riducendo gradualmente lo stimolo.

FIGURAgrande

3. Come si rispetta la normativa sull’illuminazione?

La normativa sull’illuminazione dei luoghi di lavoro è cambiata negli ultimi anni. Sono stati introdotti concetti che vanno al di là delle prestazioni illuminotecniche degli apparecchi e tengono conto, oltre che dei requisiti di sicurezza, anche del confort visivo di chi lavora.

La norma EN 12464-1, aggiornata nel 2011 (vedi anche HCL in ufficio) definisce il livello di illuminamento per il compito visivo (la zona che comprende l’area di lavoro), l’area immediatamente circostante e l’area di sfondo, che devono essere illuminate in proporzione al valore prescritto per l’area del compito visivo.

Inoltre, viene considerata la distribuzione della luce, calcolando con criteri ben definiti le uniformità di illuminamento, anche per le pareti e il soffitto. Per avere un’illuminazione equilibrata e gradevole è necessario, infatti, considerare tutte le componenti dell’ambiente e i riflessi della luce.

Altri valori considerati dalle nuove norme sono l’illuminamento cilindrico e il modellato, ossia la luce che permette una corretto visuale delle persone e la comunicazione fra di loro.

Ci sono poi norme specifiche per l’abbagliamento e l’illuminazione di locali con la presenza di video terminali

parametri figura

 

4. Che apparecchi devo utilizzare per avere un’illuminazione HCL nell’industria?

Per realizzare un impianto ispirato ai principi della Human Centric Lighting in ambiente industriale sono disponibili diverse tipologie di apparecchi, che vanno dalle armature stagne, ai proiettori a sospensione, agli apparecchi per esterni e illuminazione stradale, fino a spotlight e apparecchi da incasso per ingressi e zone di passaggi e servizi, senza dimenticare l’illuminazione d’emergenza.

Per la selezione di apparecchi da installare in ambiente industriale vanno considerate con attenzione alcune caratteristiche fondamentali per avere la certezza di un impianto funzionale e con una lunga durata di vita

  • Qualità dei materiali (la durata nel tempo dell’impianto a LED con le performance iniziali è possibile solo con apparecchi di qualità, costruiti con materiali selezionati)
  • Robustezza e affidabilità (grado di protezione, e caratteristiche adatte per il funzionamento in ambienti industriali)
  • Energy saving (il risparmio energetico deve essere significativo rispetto alle vecchie tecnologie e incrementabile con sistemi di gestione e controllo
  • Facilità di manutenzione (particolarmente importante in interni con condizioni ambientali specifiche come quelle delle lavorazioni industriali)
  • Prodotti speciali (da utilizzare in lavorazioni specifiche, come per esempio nell’industria alimentare e in condizioni ambientali difficili, come temperature estreme, impiego di agenti corrosivi e altro).

5. Gli apparecchi Disano e Fosnova per la Human Centric Lighting nell’industria

 

ottima-LEDb

OTTIMA LED

  • corpo infrangibile ed autoestinguente, stabilizzato ai raggi UV
  • elevata resistenza meccanica grazie alla struttura rinforzata da nervature interne.
  • Diffusore: con rigatura e satinatura interna per un maggior diffusione luminosa
  • finitura esterna liscia per facilitare la pulizia necessaria per avere la massima efficienza luminosa.
  • Mantenimento flusso luminoso al 80%: 120.000h (L80B20).
  • Classificazione rischio fotobiologico: Gruppo esente
  • Temperatura ambiente: -30°C a + 40°C
  • radar sensor
  • dimmerabile DALI + emergenza
  • basso livello di sfarfallio (low flicker)
  • rispetta i requisiti di legge per l’industria alimentare

Vedi la scheda del prodotto

astro-disanob

ASTRO LED

  • Disponibile numerose versioni, tra cui quella a sospensione
  • Ottiche in PMMA ad alto rendimento resistente alle alte temperature e ai raggi UV
  • Durata di vita 50.000 ore (nella versione HP, alte performance)) e 100.000 ore (nella versione HT).
  • Altissima resa del colore (CRI 80)
  • Basso livello di sfarfallio (low flicker)
  • Classificazione rischio fotobiologico: Gruppo di rischio esente.
  • Possibilità di scegliere la corrente di pilotaggio dei Led
  • Può essere equipaggiato con sensori di presenza, regolatori di potenza in base all’apporto di luce naturale, sistemi WiFi di controllo a distanza
  • Disponibile in versione UGR <25 High Temperature

Vedi la scheda del prodotto

 

saturno-disanob

SATURNO LED

  • Disponibile numerose versioni, tra cui quella a sospensione
  • Ottiche in PMMA ad alto rendimento resistente alle alte temperature e ai raggi UV
  • Durata di vita 80.000 ore
  • Altissima resa del colore (CRI 80)
  • basso livello di sfarfallio (low flicker)
  • Classificazione rischio fotobiologico: Gruppo di rischio esente.
  • Può essere equipaggiato con sensori di presenza, regolatori di potenza in base all’apporto di luce naturale, sistemi WiFi di controllo a distanza
  • disponibile in versione High Temperature

Vedi la scheda del prodotto

  • Posted by Redazione
  • On luglio 29, 2019
  • 0 Comments
  • 0 likes
Tags: Astro, illuminazione industriale, industria, news, ottima, Saturno

0 Comments

Leave Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.